Testi (download)

Articoli e documenti rilevanti sui temi della Convenzione di Faro

Bibliografia online sulla Convenzione di Faro 
A cura di Lauso Zagato.
Si tratta di un insieme di testi che forniscono un’idea complessiva della Convenzione di Faro, dalla sua storia alle discussioni che si sono articolate sulle questioni più rilevanti che solleva. Per chi si avvicina a qeste temtiche per la prima volta sarà di grande aiuto.
Vi si trovano anche alcuni approfondimenti sui problemi più dibattuti. E’ stata redatta in occasione del convegno: “La Convenzione di Faro e le Comunità Patrimoniali” – Venezia, 9 aprile 2018.

 

Carmosino, Cinzia (2013). “Il valore del patrimonio culturale fra Italia e Europa. La Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore del patrimonio culturale per la società”, in Aedon, Rivista di Arti e Dirittoonline, 1, pp. 1-14.
Questo breve articolo in italiano è scritto particolarmente bene perchè riassume la storia della convezione ei motivi che ne hanno favorito la nascita. Riesce poi a espore in modo molto chiaro e sitetico le questioni più rilevanti che la Convenzione pone e i problemi aperti che solleva. Sommario: 1. Introduzione – 2. Origine, natura e scopi della Convenzione di Faro. – 3. Verso una nuova concezione di patrimonio culturale? – 4. L’innovativo concetto di “comunità patrimoniale”. – 5. Il patrimonio comune dell’Europa. – 6. L’affermazione del diritto al patrimonio culturale. – 7. Il sistema di monitoraggio della Convenzione. – 8. Questioni aperte. Scaricalo in PDF

Pinton, Simona e Zagato, Lauso (2017). “ZAGATO-PINTON _Regime giuridico ad hoc”, in AM-antropologia museale,nn.37-39, pp. 22-26. Un denso articolo che valuta l’opportunita di pensare ad un regine giuridico particolare per le comunità patrimoniali. Queste dono infatti formazioni sociali che hanno caratteristiche e scopi molto particolari e si stanno moltiplicando in tutta l’Eupropa.

AA.VV (2009) Heritage and beyond Consiglio d’Europa (EN)
Si tratta della prima pubblicazione che approfondisce i vari temi proposti dalla Convenzione di Faro da una grande varietà di punti di vista. In particolare tratta in profondità la definizione “olistica” dell’eredità culturale nelle sue differenti dimensioni e il principio della resonsabilità condivisa. La versione che rendiamo disponibile qui è stata scaricata quando era di libero accesso. Ora il testo è a pagamento ed è acquistabile nel sito del COE

Carta di Venezia
sul valore del Patrimonio culturale per la Comunità veneziana, Forte Marghera, Venezia, 07/05/2014
Download in PDF (IT) con firme autografe
Download in PDF (EN) text only


Daniel Thèrond (già Responsabile della Convenzione di Faro, Divisione Cultura e Patrimonio Culturale e Naturale del Consiglio d’Europa):  “A few words about Faro” in: ”Seminar on the value of cultural heritage for society – the Faro Convention and the Herein tool, Yasnaya Polyana, Russia, 13 – 14 September 2010.

Adriano De Vita (2013) Proposta per una Commissione Patrimoniale.
Una proposta su come può essere strutturata una Commissione Patrimoniale, intesa come luogo istituzionale di dialogo e confronto tra comunità patrimoniali e sindaci. Benché non prevista in modo esplicito dalla Convenzione di Faro, l’istituzione di una Commissione di questo tipo permetterebbe di superare molte conflittualità attraverso un processo stabile di governance partecipata.


Prosper Wanner (2013) Per una commissione patrimoniale veneziana?
L’articolo sintetizza l’esperienza della città di Marsiglia che ha istituito una commissione patrimoniale e ne illustra le modalità di funzionamento.  L’esperienza marsigliese non è riproducibile a Venezia perché ha dato origine ad una serie di attività orientate ad aumentare i flussi turistici in città mante a venezia si pone semmai il problema opposto. Tuttavia è utile considerarla come esempio di dialogo strutturato e stabile tra amministrazione cittadina, comunità patrimoniali e operatori economici.

Faro Venezia , Residenza e turismo a Venezia, 2014
Rapporto tra numero di presenza turistiche e numero di residenti a Venezia e Lido, aggiornato al 2013 (ultimi dati disponibili). Stiamo velocemente diventando la prima città al mondo piena di gente ma priva di abitanti. Di questo passo tra poco non avrà più alcun significato parlare di “comunità patrimoniali” a causa della scomparsa delle persone che potrebbero farne parte.