FARO FAQ

Domande frequenti sulla Convenzione di Faro

I suoi contenuti, i suoi nemici, alcune delle questioni più critiche.

Inizia oggi la pubblicazione sul Sito di Faro Venezia di una serie di Domande Frequenti (FAQ) sulla Convenzione di Faro, la Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore del patrimonio culturale per la società. Avvertiano la necessità di questo impegno perché la Convenzione è scritta in un linguaggio semplice e chiaro, ma i concetti che propone sono invece complessi e rischiano di essere travisati facilmente.
Pubblicheremo le FAQ per gradi per dare il tempo a tutti di leggerle con comodo. Alla loro stesura si deve al lavoro dei soci di Faro Venezia, coordinati da Lauso Zagato e Simona Pinton, i due esperti giuristi che da sempre sotengono con forza la Convenzione e meglio di altri ne sanno cogliere le novità e le difficoltà interpretative. Le FAQ sono divise in 4 sezioni. La prima risponde alle domande di base, quelle che si pongono di solito le persone che si avvicinano alla Convenzione per la prima volta. Gli altri affrontano temi più complessi o comunque hanno un carattere più tecnico. Solamente la prima sezione è completa. Le altre seguiranno nei prossimi mesi.

Sezione 1 – La Convenzione di Faro: aspetti generali

1.1 Cos’è il Consiglio d’Europa?

1.2 Quali sono gli specifici tratti innovativi della Convenzione di Faro che la rendono unica?

1.3 A che cosa serve una convenzione quadro del Consiglio d’Europa?

1.4 Cos’è il patrimonio culturale secondo la Convenzione di Faro?

1.5 Cosa si intende per patrimonio culturale europeo?

1.6 Patrimonio culturale o eredità culturale?

1.7 E’ possibile stabilire una relazione con le Convenzioni UNESCO (e quali) sulla protezione del patrimonio?

1.8 Cosa significa dire che il patrimonio culturale è oggetto di un diritto umano, e quale?

1.9 Quali sono i principali motivi di avversione verso la Convenzione?

1.9 E’ vero che la Convenzione di Faro è priva di efficacia pratica?

1.10 Dove nasce la particolare avversione identitaria verso la CF?

1.11 Che cosa si intende per patrimonio dissonante?

1.13 E’ vero che la Convenzione di Faro può renderci sudditi delle religioni? E’ una resa di fronte a religioni provenienti dall’esterno?


Lavori in corso …

Sezione 2 – La Convenzione di Faro e l’ordinamento interno

Premessa

Che cos’ è l’adattamento dell’ordinamento interno all’ordinamemto internazionale e come si applica una Convenzione internazionale in Italia? (in generale). Questa è una premessa lunga e corposa che però ha il vantaggio di permettere alle FAQ seguenti di essere brevi evitando continui rimandi a temi di fondo.

2.1 Come si applica in Italia la Convenzione di Faro?

2.2 In che modo deve e puo’ essere garantito il riconoscimento del diritto al patrimonio culturale?

2.3 Qual è il ruolo dell’apparato statuale italiano rispetto al CF? Osservazioni sulla Legge di autorizzazione alla ratifica ed esecuzione della CF del 1° ottobre 2020 (in G.U. SF n. 263 del 23 ottobre 2020)?

2.4 Quale condotta possono e devono tenere gli enti sub-statali rispetto agli impegni fissati dalla CF?

2.5 Quali sono gli esempi concreti di applicazione della Convenzione di Faro nell’ambito degli ordinamenti degli Stati che l’hanno ratificata?

2.6 (segue): Come si manifesta la prassi degli Stati contrari? In particolare, considerazioni sul parere del Consiglio di Stato francese.

2.7 Cosa significa – in termini pratici – che l’applicazione della Convenzione è da realizzare anche mediante la salvaguardia delle figure professionali coinvolte nel settore?

Sezione 3 – La Convenzione di Faro, le Comunità patrimoniali, i singoli

Chi e come può costituire una comunità patrimoniale?

La CF può essere agita dai singoli e dalle associazioni/comunità?

Che cosa vuole dire “agire nell’ambito dell’azione pubblica”?

Quali strumenti (giuridici, politici, sociali?) offre la Convenzione alle comunità patrimoniali per il coinvolgimento nei processi decisionali con le istituzioni pubbliche?

Se l’azione pubblica contrasta con il diritto al patrimonio che cosa succede?

Qual è il ruolo dei soggetti privati (imprese, Fondazioni, cooperative) nella attuazione delle politiche indicate dalla Convenzione?

Sezione 4 – Iniziative in corso

Nel dicembre 2019, sotto l’egida del CoE, ufficio di Venezia, si e’ costituita una Rete Faro Italia. Di che Rete si tratta?

Chi può fare parte della Rete Faro Italiana?

Quali sono i criteri di ammissione alla Rete Faro Italia?


Licenza d’uso Creative Commons Italia
Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-ND 4.
https://creativecommons.org/licenses/by-nd/4.0/deed.it

Testo da citare:
Testo redatto a cura dell’ Associazione Faro Venezia
https://farovenezia.org/faro_faq/